Giovedì 23. Novembre 2017

Informati

 


Politiche giovanili e per la Famiglia

un investimento sul futuro?

DANI POZO

- I Fatti -

5,5 milioni di giovani sono disoccupati nei 28 Paesi dell’Unione europea e più di un quinto dei giovani europei presenti sul mercato del lavoro non riesce a trovare un posto. 7,5 milioni di giovani europei fra i 15 e i 24 anni non sono occupati, non stanno studiando nè si stanno formando e circa il 15% dei bambini lascia la scuola senza un’istruzione secondaria.

 Nel 2011 il 22% dei lavoratori europei si è detto insoddisfatto del proprio equilibrio fra lavoro e vita privata e il 30% ha difficoltà a mantenere le responsabilità familiare a causa dell’impegno di lavoro.

L’UE come può combattere contro la disoccupazione giovanile? L’Unione può fare qualcosa in proposito? L’Unione europea può intervenire per assicurare un migliore equilibrio fra il lavoro e la vita di famiglia?

 

 

- Cosa può fare l'UE? -

 

Nonostante appartenga principalmente all’ambito nazionale, il concetto di gioventù è contemplato anche al livello europeo. Nella Strategia per la Gioventù 2010-2018 l’UE fa propri gli obiettivi di promuovere la cittadinanza attiva e l’inclusione sociale nonchè la solidarietà e le pari opportunità per i giovani.

 

Nell’ambito dell’istruzione, l’UE veste un ruolo di sostegno e coordinamento a completamento delle politiche nazionali. In particolare, l’operato europeo in questo ambito mira a promuovere il reciproco riconoscimento dei diplomi e a promuovere la cooperazione fra gli istituti d’istruzione.

 

- LATEST NEWS ON THIS TOPIC -
  • "L’Unione europea fa abbastanza per sostenere i giovani nel passaggio dall’istruzione alla vita professionale?"
  • "La vita familiare gode di sufficiente rispetto e protezione all’interno dell’UE?"
http://theeuropeexperience.eu/